NOTA! Questo sito utilizza cookie e tecnologie simili. Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Una recente nota dell'Agenzia delle Entrate ha chiarito un importante aspetto relativo all'installazione di impianti fotovoltaici e alla possibilità di poter usufruire della detrazione fiscale prevista per gli interventi di ristrutturazione di edifici esistenti.

La precisazione ufficiale (nota Prot. 2012/137364) è arrivata in risposta al quesito posto da un portale Internet che si occupa di energia. L'Agenzia ha chiarito che tale tipo di interventi rientra in quelli di recupero del patrimonio edilizio esistente e pertanto può usufruire dell'incentivo fiscale del 36%, che fino al 31 dicembre 2013 è innalzato al 50%.

I requisiti

Per aver riconosciuta la detrazione, i pannelli fotovoltaici devono far fronte esclusivamente ai bisogni energetici per uso domestico dell’abitazione. Non è possibile usufruirne in caso di utilizzo commerciale dell’energia prodotta, cioè se l’impianto abbia potenza superiore a 20 kw o se, “pur avendo potenza non superiore a 20 kw, non sia posto a servizio dell’abitazione”.

L’entità dello sconto

Per le spese di acquisto e di realizzazione dell’impianto fotovoltaico sostenute dal 26 giugno 2012 al 31 dicembre 2013, la detrazione d’imposta del 36% è elevata al 50%. Anche il limite massimo di spesa sul quale calcolare la detrazione passa da 48mila euro ad un massimo di 96mila euro per unità immobiliare.

Come richiedere la detrazione

Bisogna conservare la documentazione che attesti l’acquisto e il relativo pagamento e le abilitazioni amministrative richieste dalla legislazione edilizia.
Non è necessaria una specifica attestazione dell’entità del risparmio energetico.

consulenza

preventivo

privati 450

aziende 450