Gli impianti fotovoltaici realizzati in totale negli Stati Uniti dalle multinazionali hanno superato 8 GW. [dati della Solar Energy Industries Association]

Le multinazionali americane – con i colossi del web in prima fila: Apple, Amazon e altri – puntano sempre di più sul fotovoltaico per arrivare al 100% di energia rinnovabile.

Uno sguardo ai dati

Secondo i dati diffusi dalla lobby americana del settore fotovoltaico, la SEIA, le grandi compagnie americane hanno installato oltre 1,2 GW di nuovi impianti solari di taglia commerciale negli Stati Uniti.

La cifra include sia gli impianti on-site (installati a terra o su tetto nello stesso luogo in cui avviene il consumo, ad esempio sui capannoni di un centro commerciale), sia gli impianti off-site (installati invece in aree lontane dai centri di consumo).

In totale, le multinazionali Usa hanno installato finora più di 8,3 GW di fotovoltaico con più di 38.000 impianti in tutto il paese.

In testa c’è Apple con quasi 400 MW (vedi nella foto edificio con fotovoltaico nella Silicon Valley).

E ricordiamo che Apple – che già utilizza elettricità 100% rinnovabile nelle sue sedi in tutto il mondo – ha annunciato lo scorso luglio il nuovo impegno per il clima: azzerare la sua impronta di carbonio in tutta la filiera produttiva entro il 2030, riducendo le emissioni di anidride carbonica e compensando quelle rimanenti, ad esempio con progetti di riforestazione e tutela di ecosistemi.

Al secondo posto della classifica della SEIA c’è un altro gigante del web, Amazon, con 369 MW di fotovoltaico, seguito da Walmart (331 MW), come mostro il grafico sotto.

Amazon, in particolare, punta al 100% di rinnovabili al 2030, con la possibilità di raggiungere il traguardo già nel 2025.

Nei mesi scorsi ha annunciato che aggiungerà 615 MW di progetti fotovoltaici in diversi paesi, con tre installazioni di grandi dimensioni negli Stati Uniti (ad esempio arriverà un mega-parco in Ohio da 200 MW).

Intanto Google (245 MW di fotovoltaico nella classifica della SEIA) ha lanciato la seguente scommessa tecnologica: utilizzare energia elettrica 100% rinnovabile per tutte le sue attività, h24 e sette giorni su sette (24/7 carbon-free electricity supply), in ogni parte del mondo, entro il 2030.

Una rivoluzione energetica

Insomma, pare che i Grandi ci stiano insegnando a guardare al futuro in termini di efficienza, risparmio e rispetto dell’ambiente. È ora di farlo anche noi?

Clicca qui per capire come diventare protagonista di un futuro migliore!